On the road, con illusione

the-road-ahead-black-and-white-douglas-barnard «Saltando su un treno merci in corsa appena fuori Los Angeles a mezzogiorno d’una giornata di fine settembre del 1955 atterrai su un pianale e mi sdraiai infilandomi la sacca sotto la testa e accavallando le gambe e contemplai le nuvole mentre il treno rotolava verso nord». Ah, Kerouac! Ogni volta che parto per andare a fare un reading o una presentazione mi viene in mente lui, e con lui la combriccola dei poeti beat. Sarà perché ho cominciato così, una quindicina di anni fa. Eravamo un gruppo di poetastri giovani e innamorati della strada, delle osterie, delle notti fumose passate a incrociare bicchieri e leggere a voce alta, rigorosamente alta, a discutere, a litigare, a imbastire allucinate profezie…

«O bardi Futuri / salmodiate dal cranio al cuore al sedere / finché dura il linguaggio / Vocalizzate tutti gli accordi / aprite tutta la coscienza / io canto dalla prigione della mente». Ah Ginsberg! Eravamo viandanti, anche se non a piedi. Centinaia di km in macchina, in moto, di notte e di giorno, per andare a leggere in altre città, dormendo  sulle panchine se capitava, o sui sedili posteriori delle nostre macchine sgangherate. Eravamo giovani, ingenui e baldanzosi, e la poesia era lì, in quell’amicizia che cresceva e si alimentava sulla strada.

Oggi, a distanza di anni, se partecipo a incontri, festival o quel che sia, è sempre per la stessa ragione. Per l’illusione di ritrovare quelle serate, gli amici. C’è chi, ora come a quel tempo, dice che l’autore si esaurisce nell’opera, che la sua presenza corporea è ingombrante e inutile, dannosa per giunta. Ed io, ora come a quel tempo, penso che sì, l’opera intraprende la sua strada al di là dell’autore, ma l’autore è un essere umano, e la quantità di umanità che lo contraddistingue ha a che fare anche con gli incontri, soprattutto gli incontri sulla strada, con gli incontri inaspettati – ma poi: ci può essere un incontro che non sia inaspettato, che sia con l’altro o con se stessi, con il sé che è prima di tutto altro? «Io sono alla ricerca / di un uomo che non conosco / che non è mai stato tanto me stesso / come da quando lo cerco», scriveva Jabès…

Insomma, nelle prossime settimane sarò in giro a presentare Alzati e cammina. Sulla strada della viandanza. Se vorrete esserci, magari chissà, accudiremo assieme quell’illusione (o quella nostalgia).

– 6 novembre: Milano, galleria Spazio Studio (via Lomazzo, 13), ore 18.45; presenta Patrizia Gioia, poi dialogo con Antonio Moresco.

– 7 novembre: Arese (MI), Liceo Artistico Statale “Lucio Fontana”; non una presentazione vera e propria, ma un dialogo con gli studenti, a partire dal libro e da alcuni articoli della nostra Costituzione, assieme a Dome Bulfaro e Justyna Orzel.

– 7 novembre: Barengo (NO), Sala Polivalente (piazza Travaglini), ore 20.30; prima i ragazzi del “Bavaglietto” – un gruppo di giovani viandanti che ho conosciuto sulla Francigena in agosto – raccontano la loro prima volta in cammino, poi dialogo con Dome Bulfaro e Orlando Manfredi.

– 9 novembre: Palazzolo dello Stella (UD), Casa del Marinaretto (via del Traghetto, 3), rassegna “Via/andanti”, ore 11; dialogo con Stefano Montello.

– 15 novembre: Palermo, Libreria del Mare (via Cala, 50), ore 16.30; dialogo con alcuni Rolling Claps (ovvero Massimo Mirabile, Donatella Prosperi, Luca Di Piazza, Alessandra Beltrame).

– 5 dicembre: Ronchi dei Legionari (GO), Auditorium Comunale (Androna Palmada, 1), ore 18.30; dialogo con Furio Pillan e Emilio Rigatti.

– 11 dicembre: Mantova, Libreria Di Pellegrini (via Marangoni, 16; l’ora ancora non si sa).

See you on the road, friends!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ALZATI E CAMMINA. Il libro, footprints e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...