Grañon Grañon Grañon!

Sarà un Capodanno finalmente umano. Non sarò impegnato a evitare tappi-razzo di spumante scadente, né dovrò schivare raudi-molotov lanciati da impiegati over50, e non dovrò nemmeno scolarmi un litro di lenticchie a collo.

Sarò a Grañón, un piccolo villaggio della Rioja, nel nord della Spagna, un fantastico punto in mezzo al nulla, ma un punto in cui ogni anno arrivano migliaia di persone. E c’arrivano a piedi! Sì, perché di lì passa il Cammino di Santiago.

Farò l’hospitalero volontario nel mitico albergue di San Juan Bautista (e chi c’è stato, sa di cosa parlo) fino al 15 gennaio. Cercherò di accogliere al meglio i viandanti e i pellegrini infreddoliti, spaccherò legna, cucinerò, rassetterò, se avrò una parola buona la darò, se ne avranno per me la prenderò, farò quello che posso, sperando di essere all’altezza.

Se vorrete cercarmi per dirmi qualcosa di urgente, beh, è semplice: infilate un buon paio di scarponcini e mettetevi in cammino, puntate Santiago, e quando passate da lì fermatevi, la porta è sempre aperta.

E se troverò il modo di connettermi con il mondo, vi aggiornerò su quel che accade.

Nel frattempo, buone feste e buon riposo a tutti.

deja lo que puedas
toma lo que necesites

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in laic pilgrimages. Contrassegna il permalink.